logoType

Wo Journalismus beginnt

Où là commence
le journalisme

Dove il giornalismo inizia

Società

Esperienza invernale in un caseificio di Nante

Foto: Unsplash

Avere la possibilità, per 4 giorni,  di vivere e lavorare à côté dei caseari (nel settore della produzione lattiera artigianale) penso sia un “privilegio”, tanto da voler tramettere l’esperienza a voi lettori.

Nel mese di dicembre 2018 ho contattato il proprietario di un caseificio di Nante per poter svolgere uno stage nel settore.
Già l’inizio di questa esperienza mi ha lasciato un segno indelebile. Il primo giorno di lavoro iniziava alle 3h30 del mattino, così che per arrivare a Nante in tempo (partenza da Friborgo), sono giunto nel paese con il postale verso la 1h00. Una volta arrivato, sotto il meraviglioso cielo stellato e il paesaggio imbiancato, mi sono incamminato lungo la strada cantonale che porta verso Nante. Era una notte glaciale e mi sono rifugiato per un’ora all’interno della chiesetta del villaggio, dove mi sono scaldato con una candela.

Grazie a questo stage ho avuto modo di vedere la produzione semi-artigianale del caseificio e metterci mano: fare il burro, girare le formaggelle, pulire, accendere il fuoco per riscaldare le casseruole d’acciaio contenenti migliaia di litri di latte fresco. L’aspetto più emozionante era la pulizia delle pesanti forme di formaggio. Un momento dove ho potuto riflettere nel silenzio all’interno della cella.

Fatto raro (per il sottoscritto) è stato vedere sotto lo stesso tetto la parte dell’azienda dedicata alla cura delle vacche, dei maiali e alla produzione di svariati prodotti artigianali. Ringrazio il titolare dell’azienda Togni, la collaboratrice Gobbi, i caseari , la coppia di anziani addetti al confezionamento dei prodotti e lo spedizioniere. Da questa esperienza ho potuto vedere sia le fatiche che gli aspetti positivi di lavorare nel settore agro-caseario ticinese.
Grazie!

Quota

Link è stato copiato!

Mostra commenti