Società | 16.10.2018

“Le scimmie sagge pronte a invadere il Ticino”

Quest'estate abbiamo avuto l'occasione di scambiare due parole con Michelangelo Cavadini, cantante del gruppo Sun Over Waves, oggi dissolto per lasciare spazio a un nuovo progetto musicale: i Wise Monkeys Lab.
Immagine: Eleonora Pafundo

All’inizio dell’estate abbiamo incontrato Michelangelo Cavadini, in arte Jamike, per porgli qualche domanda in merito alla sua grande passione, la musica. Il primo progetto del quale ha fatto parte, ci spiega, è quello dei Sun Over Waves, «dove Sun (sole) fa riferimento al reggae dei Caraibi, nostra fonte di ispirazione, mentre Over Waves (sopra le onde) intende richiamare le onde della musica elettronica». Un mix di sonorità caraibiche e di influenze elettroniche come la dub step: è con questa idea che nel 2013 viene lanciato il progetto. «All’inizio eravamo solo in due, io producevo la musica e Albi «Albatros», ex bassista heavy metal, aggiungeva sonorità dub step ai pezzi. In seguito, sempre nel 2013, c’è stata la nostra prima esibizione dal vivo, nella quale si sono aggiunti a noi il tastierista Nicolas e il Dj selector Marco. È con questa formazione che l’anno seguente abbiamo partecipato al programma Showtime della RSI, vincendolo».

I Sun Over Waves alla Festa della Musica di Mendrisio. Foto: Omar Cartulano

L’ottimo risultato ottenuto lancia così la carriera dei Sun Over Waves, che il 10 giugno 2014, grazie ai proventi della vittoria, pubblicano il loro primo album, «Warstep», a cui fa subito seguito la prima stagione di concerti: «Grazie alla vittoria nel programma della RSI, abbiamo avuto l’occasione di pubblicare il nostro primo CD e di iniziare un tour per promuoverlo e per farci conoscere. Nel 2015 si sono poi aggiunti al gruppo Gabriele «Monsieur G», ai sintetizzatori, e mio fratello Sebastiano come seconda voce. Ricordo con grande piacere quell’anno: eravamo in sei, le esibizioni dal vivo erano sempre una grande esperienza, è stato fantastico!».

Il gruppo ottiene un buon successo sia in Ticino, sia in alcune località del nord Italia, suonando anche in concerti con grande seguito di pubblico come il Progetto Amore a Chiasso. Gli impegni dei vari componenti, che iniziano a disperdersi per la Svizzera in seguito agli studi o ad altre esperienze professionali, riducono però nel 2016 la band a soli tre componenti: Jamike, Albatros e Monsieur G. Questo non impedisce ai giovani musicisti di lanciare il loro secondo disco il 30 settembre dello stesso anno: Dub Legion. «A questo punto, nonostante abbiamo continuato a esibirci in tre, cominciava a diventare chiaro che il progetto Sun Over Waves stesse giungendo a un punto morto, visti gli impegni dei vari componenti».

I Sun Over Waves al Progetto Amore di Chiasso. Foto: Gabriele Spalluto

Non bisogna però credere che Jamike si sia fermato, anzi. Viste le difficoltà incontrate dal gruppo, nel 2018 decide di iniziare una collaborazione con Tom Siddh dei Zona Sun. Come ci spiega, «io non avevo intenzione di smettere, così mi sono lanciato con Tom in questa nuova idea, dando vita ai Wise Monkey Lab. Abbiamo iniziato la prima stagione di concerti quest’estate e siamo abbastanza soddisfatti da come è andata. Seguiteci per scoprire le prossime novità che abbiamo in serbo per voi, ce ne saranno diverse nei prossimi mesi!».

Non ci rimane che cogliere con piacere questo invito, cominciando con l’ascoltare Roots’N’Soul, il primo singolo del gruppo, e attendendo inoltre con interesse, perché no, il primo album dei neonati Wise Monkeys Lab.