Società | 13.03.2017

La fiera di San Provino

La festa di San Provino tra intrattenimenti vari, prodotti tipici e celebrazioni. Ce ne parla Ilaria.
  • Immagine: Ilaria D'Alessandro - 1 / 5

  • Immagine: Ilaria D'Alessandro - 2 / 5

  • Immagine: Ilaria D'Alessandro - 3 / 5

  • Immagine: Ilaria D'Alessandro - 4 / 5

  • La Filarmonica di Agno

    Immagine: Ilaria D'Alessandro - 5 / 5

Anche quest’anno ad Agno si sta concludendo la fiera di San Provino celebrata sempre nel secondo fine settimana di marzo in onore del Santo, compatrono della parrocchia.

In origine la fiera rappresentava un raduno molto importante per gli allevatori svizzeri, i quali infatti arrivavano anche da lontano per poter negoziare il loro bestiame e i prodotti agricoli.

Per di più questa ricorrenza costituiva per molti lavoratori della regione una delle ultime occasioni di svago prima della partenza per la stagione lavorativa.

Oltre alla celebrazione della Santa Messa e alla processione in memoria del Santo, attualmente la manifestazione possiede ancora un legame con la tradizione agricola. Difatti una piccola area del paese ospita un’esposizione di trattori e, per la gioia dei più piccoli, vi sono anche vari animali. Con il tempo è stata data agli artigiani l’opportunità di sviluppare ulteriormente i particolari della festa. L’offerta delle bancarelle è infatti divenuta molto varia: capi d’abbigliamento, accessori, giocattoli e soprattutto specialità gastronomiche locali (tra cui troviamo i deliziosi ravioli di San Provino) offrono ai turisti un’ampia scelta d’acquisto. Non di rado tra le bancarelle della fiera si possono trovare anche studenti che con il ricavato della vendita dei loro prodotti si impegnano nell’organizzazione delle gite scolastiche.

Tra le altre cose nella mattinata di domenica si è potuto assistere, come di consuetudine, al gradevole concerto della Filarmonica di Agno.

Grazie alla zona dedicata all’intrattenimento, tra giostre e attività didattiche organizzate dall’associazione gioventù rurale in collaborazione con altre società, a qualsiasi età è dunque possibile trascorrere momenti piacevoli.

Numerosi sono stati anche questa volta i visitatori che, complici le piacevoli temperature ormai primaverili, si sono recati nel borgo malcantonese per partecipare all’evento.