Società | 14.12.2016

Sei donna? Allora ricevi molti più complimenti

Text by Elena Botti | Photos by Flickr (Zak Kolar)
La linguista Janet Holmes ha analizzato le differenze di genere nel campo dei complimenti. E ha scoperto che i complimenti che si fanno alle donne non sono gli stessi che vengono fatti agli uomini.
Le differenze di genere esistono ancora nel 2016.
Immagine: Flickr (Zak Kolar)

Uomini e donne sono diversi nel modo in cui esprimo e ricevono complimenti. Le ricerche della linguista Janet Holmes dimostrano che le donne si fanno più complimenti l’un l’altra rispetto agli uomini e che anche il tema del complimento cambia in base a chi è rivolto. Per esempio gli uomini ricevono più complimenti riguardanti ciò che possiedono e le donne riguardanti il proprio aspetto.

Reazione ai complimenti

Le donne solitamente identificano i complimenti come un atto positivo del linguaggio, mentre gli uomini li percepiscono diversamente. Infatti il comportamento linguistico delle donne è definito come cooperativo, anziché competitivo o orientato al controllo. Le donne vedono i complimenti come un atto gentile e positivo, perciò utilizzano più complimenti degli uomini. Gli uomini però complimentano le donne molto più spesso di quanto complimentano altri uomini. Secondo Janet Holmes, una spiegazione potrebbe essere che la reazione positiva riguardo i complimenti è percepita da entrambi i sessi.

Aumentare l’autostima o sottolineare le differenze?

La Holmes si chiede dunque come mai le persone non complimentano gli uomini quanto le donne. Sembra che sia molto più accettato e socialmente approvato complimentarsi con le donne. La linguista sostiene che ciò sia dovuto al fatto che siccome i complimenti esprimono un’approvazione sociale, allora ci si può aspettare che essi siano indirizzati alle persone insicure per aumentare loro l’autostima. Ciò è spiegato dall’ancora inferiore stato sociale delle donne.

 

Immagine: Flickr (Razvan Cosmin)

 

Un’altra sociolinguista, Nessa Wolfson, scrive nel 1984 che le donne, a causa del loro ruolo nella società, sono viste come riceventi perfetti per ogni sorta di giudizio sociale sotto forma di complimento. Il modo in cui si parla a una donna, indipendentemente dal suo stato sociale, è in ogni caso un modo potente e sottile per perpetuare il suo subordinato ruolo nella società.

Passato e presente non così diversi

Janet Holmes sostiene che gli uomini ricevono complimenti che riguardano le loro proprietà: è importante cosa ottengono nella vita, è importante quanto successo abbiano, sono importanti gli oggetti lussuosi e costosi che possono acquistare e poi possedere. Sembra ci sia una connessione con il ruolo della donna in passato: le donne non avevano la possibilità di lavorare e di avere una carriera, dunque non potevano possedere niente. La prima impressione che si aveva di una donna era l’aspetto ed era l’unica cosa che contava, poiché non lavorando o studiando, non poteva né possedere qualcosa né veniva considerata per la propria intelligenza. Oggigiorno donne e uomini sono ancora stereotipati e i complimenti sembra siano rimasti gli stessi.