11.05.2015

Alcky around the world

Text by Sabina Calastri | Photos by Sabina Calastri
Il francese Jules Verne scrisse "Il giro del mondo in 80 giorni", molti di voi l'avranno letto lasciando vagare la fantasia per luoghi esotici, sognando di vivere mille avventure. Un uomo e una donna hanno deciso di essere protagonisti dei loro sogni e di partire alla scoperta del globo non solo per 80 giorni, bensì per un anno intero.
Alcky around the world. Foto dal blog di Alcky
Immagine: Sabina Calastri

Una giovane coppia ticinese decide di subaffittare il proprio appartamento nella capitale svizzera per partire a fare il giro del mondo.

Per essere seguiti passo per passo nella loro avventura da familiari, amici, o semplici curiosi, hanno creato un blog, dove descrivono sommariamente i loro spostamenti, le loro sensazioni, il loro vissuto legato alle esperienze nelle varie nazioni visitate.

Il nome del blog è l’acronimo dei loro nomi – “Alcky” – e li accompagnerà per il mondo durante quest’anno tutto da scoprire.

Abbiamo chiesto alla coppia come sia nata l’idea di partire e così veniamo a sapere che la pulce nell’orecchio gliel’ha messa una conoscente durante un praticantato della giovane, che le ha parlato di questi “Round the world ticket” (RTW), incuriosendola.

Siccome anche il suo compagno ha sempre voluto partire per un periodo prolungato, soprattutto per fare esperienze lavorative è nata l’idea di partire insieme. Viste però le varie difficoltà per lavorare all’estero, hanno aggiunto sempre più tappe e accorciato i periodi di soggiorno nei vari paesi, trovando un compromesso: un giro del mondo work&travel.

L’itinerario

Da Zurigo a Stoccolma, da Oslo a Toronto, da Santiago del Cile a Auckland passando per Hong Kong, la nostra coppia di avventurieri ha creato un itinerario molto vasto che toccherà vari continenti, suddividendo il viaggio in una prima parte di paesi freddi, per poi concludersi pian piano al caldo.

L’inizio

È il 23 febbraio 2015 e dopo tutti i preparativi, gli ultimi saluti, e, come scrivono nel loro blog, una qualche lacrimuccia, il loro viaggio è pronto per cominciare.

La loro prima settimana è trascorsa fra Stoccolma e Helsinki, dove hanno trovato delle persone molto calorose e informali. Per i nostri vagabondi è come essere a casa, dato che la gente li accoglie come fosse una bomba piena di simpatia e di predisposizione all’aiutare il prossimo che non aspetta altro di trovare un qualche turista per poter esplodere.

Huskies Farm

Il loro ultimo post sul blog risale a settimana scorsa, in altre parole dopo più di un mese dalla loro partenza dalla Svezia.

Ora si trovano in Lapponia a Enontekio, a lavorare come volontari in una Huskies farm locale, dove l’esperienza si è rivelata essere più dura del previsto: il freddo, le ore di lavoro, le persone e tutte le informazioni che devono assimilare li hanno stravolti.

Dopo essere arrivati all’aeroporto di Kittilä, aver assaporato il freddo nordico e aver viaggiato per due ore e mezza su un autobus, l’autista si è fermato lungo una tirata apparentemente in mezzo al nulla annunciando ai viaggiatori di aver raggiunto la loro meta: la Huskies farm.

La giornata tipo

I volontari nella fattoria sono nove e provengono da tutto il mondo: dall’Australia all’Inghilterra, dalla Francia alla Nuova Zelanda, dagli Stati Uniti all’Italia.

Come si può evincere dal loro diario elettronico, la prima settimana è stata molto dura, poiché ogni giorno li attendeva il cosiddetto “training day”, dove venivano spiegate le varie mansioni da svolgere. In più le giornate di lavoro sono lunghissime: quindici ore non-stop sei giorni su sette. Tuttavia i safari, i cani e il paesaggio mozzafiato sembrano ripagare questo grande sforzo.

E poi?

Con la fine dell’ultimo post, si concludono anche le nostre informazioni riguardo il viaggio dei nostri compatrioti.

Per ricevere altri aggiornamenti non ci resta che seguire il loro blog, lasciar vagare la fantasia attraverso le loro fantastiche avventure ed emozionarci insieme a loro.

… E chissà , magari grazie al loro viaggio anche tanti altri giovani desiderosi di esplorare nuovi posti troveranno il coraggio di partire… alla scoperta del mondo!

Per seguire i loro spostamenti digitate: http://alckyaroundtheworld.com/

Buon viaggio… virtuale!